Ilaria Biondi nasce a Parma nel 1974 e da qualche anno vive di nuovo stabilmente in un piccolo borgo dell’Appennino Parmense. Dopo la Laurea in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università degli Studi di Bologna, consegue presso il medesimo ateneo il Dottorato di Ricerca in Letterature Comparate con una tesi sulla prima traduzione francese dei racconti di E.T.A. Hoffmann.

Attualmente si dedica all’insegnamento, benché a tempo parziale, con incarichi presso la scuola primaria e come titolare di corsi di lingua straniera per adulti.
Ama lavorare con i bambini e organizza periodicamente, in forma gratuita e volontaria, letture animate, corsi e laboratori.

Si occupa di traduzione letteraria, critica della traduzione e poesia. È appassionata di letteratura fantastica, letteratura al femminile, letteratura di viaggio e letteratura per l’infanzia, con particolare riferimento alla letteratura francese e belga (in lingua francese) ultra-contemporaine e a quella tedesca dell’Ottocento.
Sue traduzioni e suoi contributi sono apparsi su riviste letterarie cartacee (Quaderni di Synapsis, Quaderni del CeSLiC, Comunicare Letteratura, Ottocento, Experience, Leggere Donna, Pagine Giovani, Future Shock).
Attualmente collabora con diversi blog e siti letterari (Cultura al Femminile, Gli Scrittori della Porta Accanto, La Stanza di Virginia, La bottega dei traduttori, Sognaparole Magazine) con articoli, recensioni e traduzioni (dal francese all’italiano e nella combinazione inversa).
Nel 2011 pubblica un volumetto a carattere biografico-critico, Raymond Radiguet. Giovinezza perduta, eterna giovinezza (PR, Delta Editrice) e nel marzo 2017 la sua prima silloge poetica, In canti di versi (Edizioni Il Papavero).

D’imminente pubblicazione un suo racconto per bambini all’interno di un’antologia di cui è anche co-curatrice, i cui proventi verranno interamente devoluti a un’Associazione nazionale che si occupa del sostegno dei bambini ospedalizzati.
Ha attualmente in preparazione una nuova raccolta poetica, interamente consacrata allo haiku.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: